Rattoppare

Di cosa rotte, di sentimenti sfatti, di arti mutilati. Mettere una toppa: sui pantaloni preferiti, su un elettrodomestico che non ha ancora finito il suo lavoro, su un sentimento che non ha ancora prosciugato la sua forza vitale. Il verbo della speranza che ha sempre premesse dolorose. Il verbo dell’impegno: con ago e filo, con lo stucco e il silicone, con le scintille della saldatrice. Con il tempo necessario a comprendere e il coraggio necessario ad agire sulla base della comprensione.

Diverso da aggiustare, non è far tornare tutto come prima: il rattoppo si vede e si deve vedere. Come quelle toppe colorate su un jeans altrimenti insipido, altrimenti banale. 

Rattoppare che è anche personalizzare: la scelta meticolosa del materiale giusto, del colore che si abbina, della dimensione che non rovina l’armonia. Ma anche toppe scelte nella fretta perché, a volte, siamo umani, conta più di tutto tappare il buco. Toppe che si possono anche scucire che non è per forza una ricetta che va bene per sempre. Toppe che a volte saltano i punti, perché erano cucite male. E tornare a cucire, a stuccare a saldare. 

Rattoppare come alternativa, come compromesso, come comprensione. Il nemico di stoffa dell’assolutizzazione e della rigidezza. Come possibilità di non dover sempre “fare a meno di rompere”, perché a volte la disattenzione capita e non succede niente, se ci si ricorda che si può rattoppare. Come ottimismo della vita e positività dell’anima: disposizione di chi non crede che sia troppo tardi, di chi guarda avanti. Toppe messe già in partenza. La dottrina cristiana della Provvidenza divina e del perdono, una salvezza che si fa ogni giorno, di contro al fanatismo senza appello di chi vuole tutto predestinato. 

Rattoppare che è arricchirsi e crescere insieme: l’arte di sbagliare. Toppe che uno le vorrebbe anche evitare. Per chi ama accontentarsi e chi non ne ha mai abbastanza. 

Toppe che significano valore; che quello che conta è non buttare via

[23 agosto 2014]

Senza categoria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: